«

»

Mar 30 2015

Stampa Articolo

Acustica: pubblicata in italiano la UNI ISO 1999

La commissione tecnica Acustica e vibrazioni ha pubblicato la norma UNI ISO 1999, della quale abbiamo scritto lo scorso mese di dicembre (>>VAI ALL’ARTICOLO), in relazione alla stima della perdita uditiva indotta dal rumore.

La misura dell’esposizione al rumore per una popolazione a rischio è il livello di esposizione al rumore normalizzato ad una giornata lavorativa nominale 8 h, LEX, 8h, per un dato numero di anni di esposizione. La norma si applica a rumori di frequenza minore di circa 10 kHz, costanti, intermittenti, fluttuanti, irregolari, o a carattere impulsivo.

La norma definisce un metodo per calcolare lo spostamento permanente della soglia uditiva di popolazioni adulte causata dall’esposizione a rumore, compresa la distribuzione statistica nell’intervallo di frequenze audiometriche in funzione del livello e della durata dell’esposizione. Essa fornisce la base per il calcolo del danno uditivo secondo varie formule quando i livelli di soglia uditiva superano un certo valore, la cui scelta è al di fuori del campo di applicazione della norma.

Per calcolare i livelli di soglia di udibilità ed il rischio di contrarre una perdita uditiva causata dall’esposizione al rumore, è necessario avvalersi di una popolazione paragonabile. La norma contiene una definizione di popolazione otologicamente normale accuratamente selezionata (secondo la UNI ISO 7029) e tre esempi di popolazione non selezionata di tre società tipicamente industrializzate.

La norma può essere applicata al calcolo del rischio di perdita uditiva causata dall’esposizione regolare al rumore sul lavoro o per qualsiasi altra esposizione al rumore ripetuta ogni giorno.

UNI ISO 1999:2015 “Acustica – Stima della perdita uditiva indotta dal rumore”

Permalink link a questo articolo: http://www.assoacustici.it/2099/acustica-pubblicata-in-italiano-la-uni-iso-1999/